Archives for 

sintomi

Mio figlio litiga con tutti: il disturbo oppositivo provocatorio (DOP)

Il Disturbo () è un disturbo del comportamento che interessa l’ambito di interazione sociale del bambino.  Il bambino che presenta questo disturbo esibisce in maniera persistente rabbia – spesso inappropriata – irritabilità, comportamenti provocatori e oppositività che causano problemi di socializzazione.

Per diagnosticare questo disturbo è necessario che il bambino presenti questi comportamenti per più di 6 mesi. I del DOP causano gravi problemi nelle relazioni sociali del bambino, contribuendo a lasciarlo solo e poco coinvolto nell’ambito sociale.

Il disturbo oppositivo provocatorio spesso emerge intorno ai 6 anni.

I sintomi riconosciuti del DOP:

  • spesso va in collera;
  • spesso litiga con gli adulti;
  • spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare le richieste o regole degli adulti;
  • spesso irrita deliberatamente le persone;
  • spesso accusa gli altri per i propri errori o il proprio cattivo comportamento;
  • è spesso suscettibile o facilmente irritato dagli altri;
  • è spesso arrabbiato e rancoroso;
  • è spesso dispettoso e vendicativo

Un comportamento di questo genere che duri da almeno 6 mesi deve comprendere uno di questi sintomi.

Questo tipo di disturbo è riscontrabile nel 5-10% dei bambini, con un taglio statistico maggiore per i maschi.

Le cause che realizzano questo disturbo è il risultato di una combinazione di fattori: quello individuale – riscontrabile nel temperamento – oppure contesti familiari, facendo riferimento allo stile educativo e familiare.

 I fattori di rischio che favoriscono l’insorgenza del DOP:

  • Essere abusato o trascurato
  • Disciplina particolarmente severa o inconsistente.
  • La mancanza di supervisione
  • Genitori con una storia di ADHD, disturbo oppositivo provocatorio o problemi di comportamento.
  • Instabilità familiare.
  • Cambiamenti stressanti che inficiano il senso di coerenza di un bambino aumentano il rischio di comportamento dirompente.

Il per questo tipo di disturbo consiste in una terapia comportamentale che si focalizza su quelle situazione che generano nel bambino stati di rabbia e oppositività e punta a insegnare come riconoscere e gestire questo stato emotivo. E’ una terapia che attraversa diverse fasi,  quella psico-educativa, la fase di acquisizione delle abilità e l’applicazione di queste.

E’ prevista una terapia anche per i genitori che in questo modo potranno comprendere meglio il meccanismo alla base delle reazioni del bambino  e quindi contribuire a velocizzare la terapia.

[fonte www.apc.it]

 

 

Chiama il: 3288848414

INVIA SUBITO UN MESSAGGIO

LEGGI IL CURRICULUM DEL DOTT. REGA

PSICOLOGO – PSICOTERAPEUTA ACERRA

Psicoterapia cognitivo comportamentale e insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno per il quale il soggetto ha difficoltà a dormire, si sveglia molte volte durante la notte e fatica a riprendere sonno con conseguenze che si ripercuotono sul corso della giornata perché ci si sente sempre affaticati, stanchi, con poca concentrazione e difficoltà a ricordare ed apprendere. Se perdura questo […] Continua a leggere →

Disturbo Borderline di Personalità

Il Disturbo borderline di personalità è un disturbo della regolazione delle emozioni  che porta il soggetto a veloci cambi d’umore, una forte impulsività e difficoltà relazionali. Il disturbo borderline è uno dei disturbi di personalità più diffusi soprattutto tra i giovani. L’inizio avviene in età adolescenziale o prima età adulta. Il soggetto affetto da questo […] Continua a leggere →

Disturbi alimentari: Anoressia

L’anoressia è un disturbo alimentare che a dispetto del nome (propriamente mancanza di appetito) si manifesta nella volontà di conservare l’appetito perché si ha sempre fame e sempre più voglia di non considerare questo bisogno. L’anoressia nervosa  comporta una totale paura di ingrassare legata ad un’ansia estrema di dimagrire. Ci si vede sempre grassi, sempre […] Continua a leggere →

I sintomi della schizofrenia

La schizofrenia è una malattia cronica, grave e invalidante che colpisce il cervello: circa l’1 per cento della popolazione soffre di questa malattia. Le persone con questo disturbo possono sentire delle voci che gli altri non sentono, possono credere che gli altri leggano le loro menti, controllino i loro pensieri o che complottino per far […] Continua a leggere →